| Registrati | Recupera Password

 | 
 | 
 | 
Ricerca
Attività
0

OCSE – Isfol, le competenze degli adulti nel nostro Paese

Sono stati diffusi alcuni giorni fa, con un certo riscontro anche sui media generalisti, i  risultati dell’indagine internazionale PIAAC (Programme for the International Assessment of Adult Competencies) sulle competenze degli adulti. Svolta nel periodo 2011-2012 e promossa da Ocse e  condotta in Italia, su incarico del Ministero del Lavoro, dall’ISFOL.  L’indagine analizza il livello di competenze fondamentali della popolazione tra i 16 e i 65 anni in 24 paesi.

Relativamente alle competenze prese in considerazione dalla ricerca, connesse con la crescita individuale, la partecipazione economica e l’inclusione sociale e quelle per affrontare e gestire problemi di natura matematica nelle diverse situazioni della vita adulta, gli adulti italiani sono ben al di sotto della media degli altri paesi, anche se rispetto alle precedenti indagini Ocse tale distanza si è ridotta.

Scarse abilità e competenze chiave inoltre vanno di pari passo con l’inattività. E’ il caso dei NEET i giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni che non studiano e non lavorano, che disinvestono sulle proprie capacità senza accrescerle e utilizzarle. Sono invece i soggetti più anziani che riescono a evitare il deterioramento delle competenze. 

Anche sul versante femminile si registra una positiva tendenza al miglioramento dei livelli di competenza con un evidente recupero del gap rispetto al genere maschile. Anche in presenza di inattività, le donne mantengono un buon livello di competenze.

Sul sito dell'Isfol sono presenti ulteriori informazioni, il comunicato stampa e la ricerca.

Share:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • pinterest
  • mail

Autore: Marocchi

Progetto promosso da: