| Registrati | Recupera Password

 | 
 | 
 | 
Ricerca
Povertá
0

Linee guida per il contrasto all’emarginazione adulta

Accanto alla presentazione, da parte di Istat, della seconda indagine sulle Persone senza dimora in Italia (vedi post correlato), sono state presentate la scorsa settimana dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali le Linee di indirizzo per il contrasto alla grave emarginazione adulta in Italia; si riportano di seguito le raccomandazioni finali:

  • superare l’approccio legato prevalentemente alle politiche sociali per allargare la visione a sistemi maggiormente integrati; il settore delle politiche sociali può rappresentare l’elemento di collegamento del processo ma una strategia complessiva necessita di un’integrazione fra i diversi settori delle politiche mettendo in connessione integrando le diverse competenze sia a livello nazionale che a livello locale ma soprattutto fra i diversi settori che compongono la città (salute, casa, ordine pubblico, istruzione, formazione, lavoro, amministrazione della giustizia, ecc.);
  • una strategia integrata è quella capace di aggregare soggetti diversi della istituzione pubblica ma anche del mondo del profit e del no profit per costituire una cabina di regia che raccolga energie e risorse diverse, affiancando all’intervento riparativo un intervento di carattere promozionale che permetta di allargare il numero di risorse presenti attingendo all’interno delle comunità locali (comuni dell’hinterland, quartieri, social street, ecc.) ulteriori energie positive per l’efficacia e sostenibilità dell’intervento;
  • assumere l’orizzonte della messa in atto di processi di salute della comunità, perché il fenomeno homeless è strutturale e non una emergenza; il benessere di una comunità locale non è un problema di salute che si realizza solo in un tempo presente, ma un percorso che si struttura e mantiene nel tempo. Questo approccio è direttamente connesso con lo sviluppo delle cosiddette “smart cities” dove agli aspetti tecnologici del vivere sia affiancato un aspetto di convivenza e coesione sociale.
Share:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • pinterest
  • mail

Autore: Marocchi

Progetto promosso da: